Cerca

Parole Incartate

Recensione libri

Categoria

Interviste esclusive

Intervista a Valerio Valentini


 

Quando entrai in libreria per conoscere l’autore di “Evoluzioni mi aspettavo il classico scrittore un po’ con la puzza sotto il naso che tramite la scrittura svelasse la sua parte interiore più macabra. Valerio Valentini invece è tutt’altro: è un “romanaccio”, già questo è tutto dire.  Vale la pena leggere l’intervista realizzata da me insieme alla blogger/libraia: Continue reading “Intervista a Valerio Valentini”

Quando ti trovi a leggere “Come l’acqua che scava la roccia”


Il primo romanzo di Iside Polizzi è stata una scommessa su entrambi i fronti:  da parte della scrittrice poiché è stato il suo primo romanzo, con cui ha vinto il premio letterario “La Giara” per la regione Sicilia. Da parte mia in quanto lettrice a causa della mia singolare avversione per le storie drammatiche, soprattutto se ambientate nel nostro territorio. Scommessa accettata e vinta. Continue reading “Quando ti trovi a leggere “Come l’acqua che scava la roccia””

Oltre “Apocalissi e conversione”: le parole di Cateno Tempio


Ho conosciuto il libro “Apocalissi e conversione” alla sua presentazione durante il tour di “Invasioni Digitali” targato Il Trionfo dei Giganti 2015. Una scoperta! La vena sociologica sopita tra un Hobbes e Weber si è risvegliata, ciò mi ha spinto a sapere di più sull’autore, Cateno Tempio, che si è prestato alle mie domande rispondendo con molta minuziosità. Continue reading “Oltre “Apocalissi e conversione”: le parole di Cateno Tempio”

Intervista a Massimiliano Santarossa


Abbiamo intervistato per voi Massimiliano Santarossa. Il 28 Dicembre 2015 abbiamo pubblicato la recensione di uno dei suoi libri :”Il male“. La recensione è stato frutto anche di una piacevole intervista che abbiamo potuto fargli, dove ci ha narrato un po’ della sua vita e del  suo ultimo lavoro “Metropoli” in cui l’autore “mette in evidenza tutta la conoscenza diretta di una realtà, quella del Nordest industrializzato e dello sfruttamento dell’uomo, insieme al suo messaggio di denuncia nei confronti di una società capitalistica sempre più spietata, vengono fuori in modo sorprendente. (Fonte: Il fatto quotidiano)” 

santarossailmalecoveranteprima090913

 

Quali sono state le motivazioni che ti hanno portato a scrivere “Il male”? Perché la scelta di usare Lucifero come reporter?

Avevo scritto cinque romanzi che narravano la periferia italiana, il disagio della vita, l’emarginazione, storie vere, vissute, in letteratura lo chiamano appunto realismo, come sappiamo. Io l’ho sempre visto come un modo di narrare ciò che i corpi fanno nella società, a quel punto mi interessava narrare ciò che la società fa nei corpi, nell’anima per chi ha fede, nelle terminazioni nervose per chi è ateo. Il caos delle città, le mille luci, i mille rumori, le paure intime e inconfessabili, questa cosa chiamata crisi economica e morale, l’esaltazione, la tristezza, il mare di emozioni che ogni giorno ci infliggono, i nuovi modi di comunicazione, la velocità della vita attuale, insomma ciò che troviamo fuori casa cosa produce in noi, come ci trasforma? Il male è il viaggio in tutto ciò di un Lucifero metaforico, interessato a noi, a differenza di Dio: che abbandona. Solo il figlio cacciato dai cieli nel mio immaginario poteva narrare per davvero i figli schiacciati in terra. Una narrazione in qualche modo tra pari. Gli esseri umani vivono e Lucifero vede e sente, e solo dopo pronuncia un non-verdetto, per cui una narrazione onesta, e per assurdo più reale del reale.
Continue reading “Intervista a Massimiliano Santarossa”

Lo scrittore non è soltanto un cantastorie: l’intervista a Luigi Pingitore


Salve a tutti i lettori di ParoleIncartate!
Il 31 dicembre 2015 usciva la recensione de “Tutta la bellezza deve morire”. Fortuna volle che tale post è stato espediente per una interessante chiacchierata con l’autore del romanzo, Luigi Pingitore, che ho il piacere di condividere con voi, inaugurando la sezione “interviste” del nostro sempre più eclettico blog.

300629_10150868116110085_1274398725_n

Per chi si fosse perso la recensione: https://paroleincartateblog.wordpress.com/2015/12/30/tutta-la-bellezza-deve-morire-un-inno-decadente-alla-giovinezza/

 

Luigi: Sono d’accordo bene o male con tutto quello che tu scrivi nella tua bellissima lettura del mio lavoro, forse solo sul carpe diem lo sono un po’ di meno. Continue reading “Lo scrittore non è soltanto un cantastorie: l’intervista a Luigi Pingitore”

Blog su WordPress.com.

Su ↑