Abbiamo già parlato dei fantasy Elpis, ma per me questo è il primo libro. “Le due leggende” è uno di quei testi da leggere prima di andare a letto, 10 pagine alla volta, che aiuta a sognare mondi lontani e pieni di creature incredibili.

La particolarità sta innanzitutto nella scrittura a quattro mani e nella narrazione suddivisa per coppie. Infatti da una parte troviamo Enan ed Enya, un giovane esploratore e una curatrice dall’aspetto da “ripudiata” ma che io vorrei definire in modo più fiabesco – capelli rossi, occhi profondi; dall’altra abbiamo Kei e Luce, un guerriero orientale e una ribelle cacciatrice. In comune hanno l’obiettivo di arrivare in un luogo mai visto da nessuno: il Picco Gelato, una montagna circondata da creature misteriose che faranno vivere mille gioie e paure ai nostri personaggi.

Personalmente ho amato la coppia Enan ed Enya, molto dolci e complici, che entrano in sintonia subito scoprendo che sopravvivere insieme è il modo più bello di affrontare l’avventura. Nel momento in cui mettono a nudo i loro sentimenti il mio cuore ha fatto un sussulto. Davvero, perfetto. Approfondendo su di loro, e di conseguenza sulla trama, Enan diventerà un avventuriero grazie al nonno e per lui affronterà questa ultima avventura. Diverrà presto un esperto di draghi e non solo li riconosce per il loro aspetto ma anche per il temperamento. Per me questa è stata una nota affascinante del libro che mi ha fatto immergere ancora di più nella lettura. Enya è fantastica: umile, con una mini “trilly” per amica e dalle grandi capacità curative. Grazie al suo passato, guardata e giudicata da tutti per il suo aspetto, sviluppa una grande sensibilità che Enan non si lascia sfuggire e nota fin dalle prime pagine.

Poi abbiamo  Kei e Luce, totalmente diversi dalla prima coppia. Sono testardi, cocciuti e convinti di poter fare tutto da soli. Ma Luce si sente attratta dall’avventura che Kei vuole affrontare, lei è una cacciatrice, una ribelle e non può rimanere in un paese senza provare il brivido di conoscere luoghi nuovi  e misteriosi. Kei invece ha  qualcosa di ben più profondo da scoprire, è un viaggio molto lungo alla scoperta di terre nuove e lontane dal suo paese.

La foresta e le sue creature non sono le uniche sfide: il gelo metterà a dura prova la sopravvivenza dei nostri protagonisti.L’avventura è un continuo crescendo, e non solo nello stile della scrittura che diventa sempre più incalzante. L’evoluzione dei personaggi partirà dal fuggire alla condizione iniziale e buttarsi nell’avventura a scoprire l’essenza del loro essere.

Così, anche le loro menti diverranno campi di battaglia: finché ciascuno di essi crollerà… o si rialzerà.

La lettura è un continuo intreccio tra i punti di vista dei quattro personaggi, invece i capitoli principali ci fanno intuire a cosa il lettore potrà andare incontro.

Non sembra un manoscritto a più mani, infatti la bravura delle autrici e dell’editore si è rivelata proprio nel collegare il tutto tanto che non ci si rende conto di chi ha scritto cosa. Ipotizzo una divisione a coppie invece di maschio\femmina.

La copertina ci fa ben intuire cosa ci aspetta al Picco Gelato, ma cosa troveranno i nostri protagonisti al suo interno? Questo sta a voi a scoprirlo.

Date un’occhiata a tutti i titoli Elpis qui; http://www.elpiseditrice.it/

Scoprite il mondo de “Le due leggende” scritto da Chiara Floridia e Elisa Migliorelli

 

Annunci